Emigrazione italiana: ecco una fonte tratta dagli scritti meno noti dell’autore del libro Cuore

Edmondo De Amicis
Sull’oceano (1890)            

Tipologia: cronaca giornalistica

Edmondo De Amicis (1846-1908), universalmente noto per il suo libro Cuore (1886), fu anche descrittore raffinato in numerosi libri di viaggio e giornalista di larga popolarità,. La rappresentazione di De Amicis dell’emigrazione e della “poveraglia” a bordo del Galileo, in procinto di salpare dal porto di Genova per l’America, rimane una delle pagine più significative della letteratura italiana d’impegno sociale. 

Quando arrivai verso sera, l’imbarco degli emigranti era già cominciato da un’ora, e il Galileo, congiunto alla calata da un piccolo ponte mobile, continuava a insaccar miseria: una processione interminabile di gente che usciva a gruppi dall’edifizio dirimpetto dove un delegato della Questura esaminava i passaporti. La maggior parte, avendo passato una o due notti all’aria aperta, accucciati come cani per le strade di Genova, erano stanchi e pieni di sonno. Operai, contadini, donne con bambini alla mammella, ragazzetti che avevano ancora attaccata al petto la piastrina di latta dell’asilo infantile passavano, portando quasi tutti una seggiola pieghevole sotto il braccio, sacche e valigie d’ogni forma alla mano o sul capo, bracciate di materassi e di coperte, e il biglietto col numero della cuccetta stretto tra le labbra. […] Continua a leggere

Annunci